Archeologia, architettura e società a Firenze tra XII e XIV secolo. La turris della Piazza Vecchia di Santa Maria Novella - Maurizio Martinelli (IRAW 14)

di Maurizio Martinelli

  • Prezzo: € 65.00
    Aggiungi Carrello

    Descrizione:

    In 4°, 196 pp., ill.ni a coll.
    Le indagini archeologiche ed architettoniche nell’area di Palazzo Cerretani a Firenze sulla Piazza Vecchia di Santa Maria Novella -oggi Piazza dell’Unità Italiana- hanno messo in luce una turris extraurbana del XII - XIII sec. d.C., sovrapposta ad una villa suburbana romana.
    La torre è stata poi trasformata in abitazione cittadina nella seconda metà del Trecento, con integrazioni rinascimentali, fino a diventare, col Seicento, una parte di un vasto palazzo privato di rappresentanza. Quei muri, quelle pietre narrano di un particolare passaggio storico, culturale e sociale, in cui Firenze dopo il Mille
    esce da un cono d’ombra plurisecolare e diviene un centro vivo ed attivo, sviluppando una crescente supremazia sulle terre circostanti, e poi sul resto della Toscana. Dalla voce di queste architetture superstiti, emerge dunque una lettura, narrata proprio da questa turris, della storia fiorentina degli ultimi secoli del Medioevo.


    Maurizio Martinelli, archeologo laureato in Etruscologia all’Università di Firenze, ha preso parte e coordinato scavi archeologici, partecipando a vari convegni nazionali ed internazionali di tema storico ed archeologico. È socio dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, della Società Italiana di Antropologia ed Etnologia, ed ha aderito in passato alla European Archaeologists Association; attualmente è Responsabile per i musei, la promozione e la valorizzazione del sistema museale regionale all’interno del Settore Patrimonio Culturale della Regione Toscana. Corrispondente della rivista di architettura “Arkos – Scienza e restauro” e collaboratore della rivista “L’Universo” dell’IGM, è autore di numerosi testi tra volumi monografici, contributi in opere collettive ed articoli,
    sul tema dei beni culturali ed, in particolare, archeologici; tra i suoi libri “Gli Etruschi – magia e religione” (1992); “La lancia, la spada, il cavallo” (2004); “Luoghi etruschi” (2006); “Spettacolo e sport in Etruria” (2007); “Il giardino nel Mediterraneo antico” (2012); “Giardino e sacro nell’Italia preromana” (2015); “Le piante nell’Italia antica” (2016); “Dai giardini dell’Etruria agli horti romani” (2016); “Il giardino nell’antico Egitto e nel Vicino Oriente” (2016); “Profumi, incensi e piante nel mondo antico” (2016); “Architettura etrusca. Esempi e ricostruzioni” (2017); “Religione e riti in Etruria” (2017), “Cultura del cibo tra Etruria e Mediterraneo” (2019), “Strumenti e musica nella cultura etrusca” (2019); “Il corpo: l’idea e l’immagine. Archeologia, iconografia ed iconodiagnostica etrusca” (2021).; con S. Salomone ha curato “Palazzo Cerretani. Due millenni di storia” (2020).